martedì 6 febbraio 2018

ANZIANA INVALIDA NON PUÒ USCIRE PER LE BARRIERE ARCHITETTONICHE ALLE CASE POPOLARI DI CA' BIANCA

Una situazione di disagio si è venuta a creare alle case popolari di via Rebosola a Ca' Bianca, dove un'anziana disabile è costretta in casa dalla permanenza delle barriere architettoniche poste all'accesso. Scalini e condizioni precarie del terreno, con molte buche, impediscono alla mamma di Giuseppe Penzo di poter uscire: la donna, in carrozzella, è invalida al 100% ed è accudita integralmente dal figlio. «La casa viene giù poco alla volta», dice il signor Penzo alle telecamere di Chioggia Azzurra, e pare non essere l'unico caso. I Penzo sono peraltro in regola con il pagamento dell'affitto e delle utenze. Giorni fa una delegazione dei servizi sociali ha visitato il quartiere, facendo sopralluoghi ma non in tutte le case: Giuseppe Penzo e la madre chiedono al Comune anche la riparazione di porte e finestre.

12 commenti:

  1. Il comune cioè noi cittadini Vi abbiamo dato la casa a fondo perduto, perché ci resterete dentro tutta la vita ad un affitto modico anzi più che modico, cercate almeno di non gravare sul comune per le varie manutenzioni, cercate di metterVi le mani in tasca e sistemare le cose da fare, non è possibile che oltre che Vi hanno dato la casa debbano pure sistemarla,la casa è un diritto, ma provate a pensare se noi tutti cittadini dovessimo chiedere una casa al comune il comune cosa farebbe? non è che noi non abbiamo dei diritti forse abbiamo solo più dignità a non chiedere e continuare a chiedere assistenza

    RispondiElimina
  2. Parole sante quelle che ha scritto questo cittadino, anche perché ho notato dalla foto che alla signora non mancano i soldi per la parrucchiera!

    RispondiElimina
  3. Parlate tanto xk voi magari bisogno nn ne avete xk magari a voi la "tasca" non vi manka.....vi metterei io a vivere nelle condizzioni di un disagiato.....vi mettereste una corda al collo prima di un mese

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo proprio caro signore ho passato periodi ben più duri e Lei non lo sa, ma le garantisco che la dignità di chiedere invece che lavorare non l'ho mai persa

      Elimina
  4. Il disagio tante volte viene creato dalle persone stesse, bisogna adattarsi a qualsiasi tipo di lavoro!il figlio della signora non mi sembra disabile!nelle famiglie bisogna imparare ad aiutarsi.

    RispondiElimina
  5. Lo sai tu che non e invalido? E si infatti in piazza e pieno di gente ke offre lavoro!!! Fate a meno di parlare a cazzo k anke di recente un giovane di 22 anni si e ammazzato xk nn trovava lavoro.....siete arrivati voi....i risolutori.....ps....se c'e un posto anke a pulire la merda vado

    RispondiElimina
  6. Ha ultima cosa....se il figlio va a lavorare andate voi a badare a sua madre tutta la giornata.....pensate che ci sono persone che stanno molto peggio di voi prima di scrivere cazzate.....e tanto paghiamo vito alloggio e soldi in tasca ai profughi xo noi possiamo anke tenere le finestre rotte anke se e un nostro diritto va bhe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La parrucchiera che sappia io costa, e costa anche andare a prendere un colore per capelli e farselo in casa!!!imparate ad amministrarvi i soldi, si deve fare per quello che si ha!

      Elimina
  7. Certo che se in famiglia sono tutti invalidi..... mah!

    RispondiElimina
  8. Scusate se mi intrometto, ma chi dice che andrebbe anche a pulire la m.... sicuramente è disoccupato, però ha il denaro per accedere ad Internet.

    RispondiElimina
  9. Rispondo a quei signori che dicono che forse noi non abbiamo bisogno e allora parliamo per il c...., ma non è vero caro signore, ho passato anch'io periodi brutti avevo due bimbi piccoli e mio marito non lavorava noi adulti bevevamo thè caldo e hai bimbi latte e biscotti, ma io caro signore la dignità ce l'ho, ho cercato in tutti i modi di tirarmi su con qualunque lavoretto pagato a poco prezzo, le braccia le avevo e non mi sono mai permessa a chiedere al comune casa, lavoro, sussidio. Ma Lei lo sa caro signore che ci sono persone alloggiate nelle varie case che di stipendio ne entrano almeno quattro? E regolarmente in nero perché non bisogna dimostrare di stare bene altrimenti ti tolgono la casa. Se la casa è un diritto allora perché la maggioranza si fa un mutuo di 30 anni? Lei me lo sa spiegare? Ci vuole solo DIGNITA' DIGNITA' DIGNITA' Vada a vedere in via alga, in via barbarigo, via pigafetta quanti sono che non hanno auto, tv 50 pollici, bici elettriche, si faccia un giro e vedrà che forse il disagio si trova altrove...

    RispondiElimina
  10. Per me il comune e gli assistenti sociali dovrebbero aiutare i cittadini dando la casa per un periodo di 10 anni, e questi si devono impegnare a trovarsi lavoro, una casa in affitto e tutto ciò che a un cittadino serve. Io non trovo giusto che venga data una casa per tutta la vita, dovrebbe essere un qualcosa che ti da la spinta per migliorare la tua vita e la tua dignità di uomo. Anche perché penso, ma noi che ci inpegnamo per avere una casa con tanto di mutuo e non chiediamo nulla siamo più fessi di altri. Penso sia arrivato il momento di dare un aiuto non più in base all'ISEE ma in base a quanto spendi e poi vediamo quanti hanno diritto alla casa, al sussidio, al farsi pagare le bollette. La nostra amministrazione sta dando i numeri giocano con i soldi di noi cittadini che a son di tasse non abbiamo noi più soldi per campare altro che via alga e compani

    RispondiElimina