venerdì 12 gennaio 2018

UN ANNO ALL'AFRICANO CHE HA AGGREDITO IL POLIZIOTTO, MA LA PENA È SOSPESA

È stato condannato a dodici mesi di reclusione, con pena sospesa, il gambiano che ieri mezzogiorno a Ridotto Madonna ha colpito un agente di polizia causandogli la lussazione di una spalla e 30 giorni di prognosi. Il processo è stato celebrato con rito direttissimo dopo le ore 12 al Tribunale di Venezia avanti la giudice Alessia Capriuoli. Mohammad Jata, questo il nome del 21enne africano, era difeso da un'avvocata d'ufficio del Foro di Venezia.

4 commenti:

  1. Pena sospesa?
    Vergogna.
    Rispeditelo al suo paese natio.

    RispondiElimina
  2. Vuoi vedere che adesso condanneranno il poliziotto?

    RispondiElimina
  3. Questa é l' ennesima dimostrazione di insicurezza sociale che si ingenera tra i cittadini.
    Ma la giustizia dov' é finita?
    Ma ci si puó sentire protetti?
    Solidarietá alle Forze dell' ordine e auguri al poliziotto , che nn abbia conseguene fisiche

    RispondiElimina
  4. Provate ad andare in Gambia a fare una cosa del genere, altro che pena sospesa

    RispondiElimina