mercoledì 27 giugno 2018

EMERGENZA VOLPI TRA BRONDOLO E IL BRENTA: POLLAI DECIMATI

La volpe avvistata lo scorso 17 maggio a Ca' Lino non rappresenta un caso isolato. In due mesi infatti gli allevatori residenti a Brondolo fra il centro abitato e il fiume Brenta lamentano le scorribande tipiche delle volpi in ben sei pollai, dove sono state sterminate galline, anatre, colombi: l'ultima segnalazione tre notti fa, quando gli animali hanno "visitato" il laboratorio di falegnameria annesso a un'abitazione privata. Due grossi esemplari di volpe sono stati filmati mentre si arrampicavano sul recinto alto circa due metri, che divideva gli immobili dal pollaio. La volpe è una presenza assai normale e diffusa nelle campagne: afferma il biologo e naturalista Davide Scarpa (del Centro Educazione Ambientale del Comune) che abbattere le volpi è il modo peggiore per sbarazzarsene, dal momento che -trattandosi di una specie territoriale- l'area su cui insiste perderebbe il suo equilibrio e diventerebbe “vacante”, lasciando campo aperto all'arrivo di altre volpi, anche in numero di cinque per ogni esemplare abbattuto.

Nessun commento:

Posta un commento